FAQ

Plugs

Hai Domande?

Controlla qui di seguito le risposte alle domande più comuni che ci vengono poste…

La normativa prevede che ogni immobile possieda una certificazione dell’impianto elettrico, detta Dichiarazione di conformità che ogni elettricista professionista è obbligato a rilasciare subito dopo il collaudo finale del sistema appena installato. In quanto installatori certificati è sempre nostra premura fornirla in quanto la legge prevede anche che, per la vendita o per la locazione di qualsiasi tipologia di immobile, il proprietario debba esserne in possesso.

L’interruttore di protezione dell’impianto scatta qualora vi siano cortocircuiti. Esso non è da confondere con l’interruttore del contatore che, quando salta, è perchè si è superata la soglia di potenza massima erogabile da contratto. Se l’impianto è stato fatto a norma gli interruttori magnetotermici saranno più di uno, in modo da poter isolare le luci dalle prese, così come porzioni di casa diverse.

E’ un’operazione delicata che può essere svolta solo da uno specialista del settore. A seguito di sopralluogo verranno installati sul tetto i moduli fotovoltaici, mentre nell’edificio saranno installate le altre parti dell’impianto: inverter, quadro di campo e accumulatori qualora richiesti o necessari. Essendo alcuni elementi a vista è necessario curare anche l’estetica, evitando fili volanti o installazioni poco gradevoli. Una volta risolte le pratiche presso il gestore della rete elettrica locale, circa due settimane dopo l’istallazione, l’impianto entrerà in funzione e cominciando a produrre energia pulita.

Se l’impianto elettrico domestico è collegato alla rete elettrica nazionale il regime di incentivazione si chiama Scambio Sul Posto o SSP. L’energia prodotta con l’impianto fotovoltaico e non impiegata sarà immessa in rete e verrà retribuita dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE). Attenzione! il prezzo di acquisto di quest’ultima è molto più basso rispetto a quello cui viene venduta l’energia al privato.

Il modulo monocristallino è il silicio di massima qualità, il policristallino è inferiore ma questo non significa che il monocristallino sia sempre il più efficiente. Il pannello monocristallino è sì più efficiente, ma solo se l’irraggiamento è perpendicolare e costante. I pannelli policristallini sono invece più efficienti nei periodi di scarso irraggiamento, dovuto a nebbie o nuvolosità; diventa quindi importante l’irraggiamento, l’ubicazione del sito e distanza dall’equatore per una scelta oculata.

Call Now Button
Translate »